22 febbraio 2011

Un'idea migliore - Guinzaglio lavorato in tondo

Il titolo del post si rifà a questo, ovvero il mio primo esperimento di guinzaglio tubolare, ideale complemento di questo collare.
E' formato da 2 parti, la "lunghezza" e la maniglia, entrambe ricavate da strisce di 3/4" di larghezza e misura circa un metro in totale. Il cuoio è lo stesso nocciola effetto anilina che ho impiegato per l'altro guinzaglio e il collare... qui sembra più scuro perchè è fresco di olio (anche le cuciture sono ancora leggermente incerate... ehhh, la fretta di pubblicare!). L'estremità verso il cane ha un moschettone in ottone massiccio con occhiello quadrato da 19 mm. Come nell'altro, la cucitura che tiene davvero chiusa la maniglia è ben nascosta sotto alla parte che raccorda e unisce lunghezza e maniglia ma, a differenza dell'altro, la "chiusura" è ricavata dal corpo stesso della lunghezza... è più facile vederlo dalle foto che spiegarlo a parole...
Ci sarebbe anche una soluzione per realizzare tutto il guinzaglio, maniglia compresa, da un unica striscia di cuoio e prima o poi realizzerò un prototipo anche di quello, ma penso che esteticamente questo sia il vincitore. Stavolta, alla luce delle difficoltà che ho incontrato realizzando il precedente, sono riuscito anche a ottenere una tintura e una rifinitura delle coste più pulita e uniforme e anche il tondo è "più tondo" grazie a un paio di passaggi in più nella trafila. Il moschettone:
Sbagliando si impara. Perlomeno spesso si migliora.

14 febbraio 2011

Frontalini in corda - nuovi colori

Di seguito gli ultimi frontalini in corda che ho realizzato per un'amica americana con un cavallo piuttosto pesante.
Bianco e nero:

Bianco e blu navy:

Blu e nero:
Vista la mole del destinatario sono i più lunghi che abbia mai fatto. Misurano infatti 46 cm (18 pollici). I 2 passanti come al solito sono realizzati in cuoio Sedgwick nero da 16 mm (5/8") e permettono di utilizzare il frontalino con sovracapo larghi fino a 32 mm (1" 1/4).

8 febbraio 2011

Gambali da riparare

Un amico mi ha spedito le sue ghette da riparare: l'elastico a cui era cucita la cerniera non faceva più la sua funzione e nella parte alta, in corrispondenza del polpaccio, si era allargato a dismisura. A parte questo le ghette erano perfette, la pelle e le cerniere in buono stato.

Mi è stato chiesto di sostituire l'elastico con una parte in pelle, quindi si trattava di:
- scucire la cerniera per recuperarla;
- eliminare la tela elasticizzata;
- sagomare un pezzo di pelle partendo dalle misure dell'elastico;
- rimettere insieme il tutto, mantenendo il cinturino con la borchia che a gambale chiuso ferma il cursore della cerniera.
Ecco il risultato:
Ho sostituito l'elastico con pelle Sedgwick di circa 1.5mm di spessore a cui ho fatto entrambi gli orli (si presentano meglio e aggiungono un po' di rigidità), poi ho ricucito a mano il tutto, recuperando i vecchi fori per non indebolire troppo il gambale.

La fase più difficile è stata rifare la cucitura a zig-zag che serve ad unire due parti senza sovrapporle: cucirla a macchina è uno scherzo, a mano è un po' lungo e noioso...
Dato che non ero sicuro di riuscire a trovare una borchia simile a quella impiegata e che già in passato ho avuto brutte sorprese con le borchie (magari ballano e/o si levano, oppure non chiudono bene) ho pensato di recuperare quelle originali, ricucendo il rinforzo di pelle su cui erano montate.
Mentre sagomavo la pelle ho aggiunto qualche millimetro per compensare la dilatazione dell'elastico nella parte più bassa, quella in corrispondenza della caviglia, dove la tela elasticizzata era rimasta elastico.

7 febbraio 2011

Solo un'idea

La scorsa settimana, dopo aver terminato il collare rotondo, ho iniziato a pensare a un guinzaglio per completare il corredo. L'idea di partenza era di farne uno con una singola striscia di cuoio, come per il collare. Ho utilizzato lo stesso cuoio nocciola, stessa larghezza di striscia (3/4") e moschettone in ottone. Questo è il risultato a cui sono arrivato:
...ovvero un guinzaglio "da mercato" o "da traffico": corto (poco più di mezzo metro) e robusto, per le situazioni in cui è preferibile tenersi il cane vicino. Un paio di dettagli:
Le strisce di cuoio alla fine sono due: il corpo principale e il rinforzo sulla maniglia che nasconde la cucitura "forte" che tiene chiuse le due estremità. Sono soddisfatto, ma non completamente: la trazione sulla maniglia infatti si scarica asimmetricamente sulla cucitura. Non ho dubbi sulla tenuta (la maniglia è chiusa con una doppia cucitura con treccia di polipropilene da 1mm), ma dal punto di vista estetico non è esattamente il massimo... a mio parere il rinforzo si discosta troppo dalle resto delle linee e la chiusura non perfetta della maniglia rende il tutto un po' sbilenco. Ieri sera ci ho meditato un po' e mi è venuta un'idea per migliorarlo, spero di aver tempo di realizzarla nei prossimi giorni!

4 febbraio 2011

Collare lavorato in tondo - 2

Ecco un nuovo collare lavorato in tondo, adatto a cani di taglia medio grande: il foro centrale infatti calza un girocollo di 48 cm (19 pollici). Cuoio da briglieria nocciola effetto anilina, fibbieria da 3/4" (19 mm) in ottone massiccio.