23 luglio 2012

Redini "loop end"


Mentre aspetto che mi spediscano il cuoio nero (il mio fornitore inglese la sta tirando un po' per le lunghe stavolta), ho voluto fare questo paio di redini, giusto per non stare con le mani in mano. Cuoio testa di moro, fibbietta in acciaio.
Per me sono le redini definitive, almeno per quanto riguarda l'allenamento e tutto il lavoro "a casa". Perchè?
- sono le più robuste che si possano immaginare. Il punto debole di solito è la chiusura, le fibbie nello specifico: qui ne è rimasta solo una, solo nel punto in cui è giusto che si rompano le redini in caso di problema, ovvero al centro.
- sono economiche: non ci sono le gomme a far salire il prezzo, non ci sono neppure moschettoni, mancano anche i portamorso classici (la parte più laboriosa), tuttavia non le ho volute lasciare lisce.
- sono pratiche: si puliscono bene, sono interamente in cuoio quindi assai durature, sono semplici da aprire, leggere, non c'è metallo a contatto con gli anelli dell'imboccatura.
Più ci penso, più la lista dei "pro" si allunga. L'unico "contro" è che non possono essere usate con una martingala perchè non hanno le olive, ma con qualche semplice accorgimento si potrebbe ovviare anche a quello.


Un paio di redini davvero onesto, che conferma ancora una volta che quasi sempre "il meno è il più!"

Nessun commento:

Posta un commento